Skip to content
Saturday, 7 October , 2006 / ermes

Venere e Marte?


Chiedo venia per il mio esser dozzinale e sommario (e non si tratta di finzione letteraria, ma di reale dispiacere): e tuttavia non posso evitare di riportare di getto, come un pugno allo stomaco, così come è giunto a me pure, un passo incontrato nelle notti che si trascorrono con un occhio chiuso e l’altro sui libri [quando vi sono i libri, altre e più volte è la fotocopia che raschia la retina]. Si tratta di un passo tratto dal testo “Elogio dell’America” di Mario Andrea Rigoni, come posto dal giornalista Marco Antonio Patriarca a introduzione del suo volume “Due secoli di politica estera americana”.

“L’Europa è una vecchia signora che, dopo essersi presa ogni sorta di libertà, dopo aver commesso parecchie turpitudini e non pochi orrori, giunta all’età della sazietà, della stanchezza e della impotenza, vorrebbe che tutto il mondo si adattasse al suo bisogno di moderazione, di equità e di pace. Non solo non perdona all’America di averle rubato la scena ma, nella sua insolenza, la rende responsabile persino dell’eredità avvelata che essa stessa le ha trasmessa dal Vietnam al conflitto arabo-israeliano”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: