Skip to content
Thursday, 24 May , 2007 / ermes

Freedom and abortion


Need to know:

A question of life and death
May 17th 2007
From The Economist print edition

The struggle between “pro-choice” and “pro-life” forces around the world

the-worlds-abortion-laws.gifThe scan showed the four-month-old fetus had anencephaly, a rare, incurable condition; the baby would be born without a scalp or most of its brain. It could live only a few days. The mother, an unmarried 17-year-old known as Miss D, wanted an abortion. But in her native Ireland, abortion is banned unless the mother’s life is at risk. The health authorities would not let her leave the country for a termination. On May 9th Ireland’s High Court ruled that Miss D should be allowed to go to Britain to have the procedure. The unborn baby’s “right to life”, enshrined in the constitution, did not take precedence over Miss D‘s right to travel, it suggested.

On the same day, Pope Benedict, starting his first visit to Latin America, reiterated the Vatican’s deep opposition to abortion: the politicians in Mexico City who had just voted to legalise the practice were excommunicating themselves, he said. This was “not something arbitrary”, but part of long-established canon law.

At the other end of the debate over abortion is China, where the practice is controversial not because it is banned but because it is obligatory—for mothers whose pregnancy violates strict curbs on family size. News came this week of a father who was fined 600,000 yuan ($78,000) for breaking the “one-child” policy, which came into force in 1979. Meanwhile, in the United States, abortion promises once again to be a big issue in the next presidential race. Rudy Giuliani, the Republican front-runner, is struggling to avoid alienating conservative voters with his mildly “pro-choice” line.

Four decades after controversy over abortion and the law began to sweep the world, the battle between the “pro-lifers” and “pro-choicers”—with its heady mix of sex, religion and morality—rages on. Supporters of easier access to legal abortion say that despite reversals in some places, and staunch resistance in others, their cause is advancing. According to the New York-based Centre for Reproductive Rights, over 60% of the world’s 6.5 billion people now live in countries where abortion is generally allowed. Just a quarter live in states where it is generally banned.

It is 12 years since the so-called Beijing Platform, signed by 189 states, urged a review of all laws that punish women for having abortions. Since then, 18 countries have made it easier for women to obtain a termination. But in at least four countries—America, Russia, Hungary and Poland—things have become more restrictive (with limits on the time, grounds or method), while another two, Nicaragua and El Salvador, have banned the practice outright. More than 50 countries now allow abortion virtually on demand up to at least the 12th week of pregnancy; some (including Britain) permit it up to 24 weeks, and some (like parts of China) have no time limit.

But for those who agree with a formula coined by Bill Clinton—that abortion should be “safe, legal and rare”—the world is still far from ideal. Of a total of 46m abortions thought to be carried out each year (more than one in four pregnancies are terminated), some 20m are illegal, resulting in the death of around 70,000 women a year, according to the World Health Organisation. Abortion is either banned outright or is confined to cases of rape, incest or risk to the mother’s life across most of the Muslim world, Catholic Latin America and Africa.

Although China reports 7m abortions a year (the real figure is much higher), it does not have the world’s highest rate. That place is held by Romania, where some three-quarters of pregnancies are terminated (the same ratio as in New York City and Shanghai). Russia, the first country to allow abortion (in 1920), comes second with two in three pregnancies terminated. Rates are high across the former Soviet block, with the termination of more than one in two pregnancies in most countries.

In the United States, Australia, Canada, Britain and most of the rest of western Europe, around 15-25% of pregnancies are terminated. In India, an estimated 6.4m abortions take place every year (most involving female fetuses), representing one in four pregnancies. In many African and Muslim countries the rate is probably less than 5%, says William Robert Johnston, an American pundit. But he notes that data are elusive, and that the link between law and reality is often tenuous.

Indeed, some of the world’s highest abortion rates are to be found in Latin America, where it is all but outlawed. The Mexican legislators who voted to decriminalise abortion cited the brutal effects of this gap between theory and practice: an estimated 5,000 women die in Latin America every year from botched back-street or self-administered abortions; a further 800,000 have to be treated in hospital.

In the same spirit, Brazil’s new health minister has called for a “wide-ranging debate” on abortion, despite the opposition of two-thirds of Brazilians to any change. The pope’s visit and the Mexican move have exposed strong feelings on both sides. Most Colombians, Mexicans and Chileans oppose legalising abortion. But in Argentina, where perhaps four in ten pregnancies are illegally ended, over 75% say it should be legal in some cases.

Like the Catholic church, Islam regards life as sacred from conception. But unlike the Vatican, Muslim thinkers tend to calibrate the gravity of the “sin” according to the timing—early abortions are viewed less seriously. Most Muslim countries outlaw the practice unless the mother’s life is at risk; but Turkey and Tunisia allow abortion on demand during the first ten weeks or three months respectively.

In some countries, judges are stepping in. In May last year Colombia’s Constitutional Court ruled that an outright ban on abortion was unconstitutional; it must be allowed in cases of rape, incest, severe deformity and danger to maternal health. In November, the Inter-American Commission on Human Rights said Nicaragua’s total ban violated a woman’s basic rights. And this March, the European Court of Human Rights ruled that governments must make it possible for women to have access to abortion, where it is legal.

As many states make abortion easier, America may be moving the other way. Last month the Supreme Court upheld a federal law, passed in 2003, banning “partial-birth” abortions, a late-term procedure involving the piercing of a fetus’s skull. Some hope, and others fear, this could be a prelude to the overthrow of Roe v Wade, the 1973 ruling that has given America one of the strongest legal rights to abortion in the world. If that decision is quashed, abortion could be criminalised in about 30 states. Polls suggest that about half America’s voters would approve.

6 Comments

Leave a Comment
  1. ermes / Jun 1 2007 11:30 AM

    Cina, la guerra del figlio unico
    da L’Unità on line del 31 maggio 2007
    di Lina Tamburrino

    L’immagine più accattivante resta sempre Piazza Tien-An-Men: gruppi di scolaresche con i cappellucci rossi o gialli; bambine con vestiti trasparenti bianchi o rosa; ragazzini con i jeans; neonati con le brachette con lo spacco posteriore al posto dei pampers; ragazzi che si divertono inseguendo gli aquiloni. L’immagine di una infanzia protetta, amata, irrinunciabile. Ma non è proprio così. La «questione demografica» è una ferita aperta, sempre sanguinante nel corpo immenso della Cina, che conta già un miliardo e 250 milioni di abitanti.

    Politica che umilia i ceti urbani- i quali anche se malvolentieri la seguono- e alimenta ricorrenti proteste nelle immense aree povere del Paese e nelle zone abitate da minoranze etniche, per le quali comunque un secondo figlio è permesso. Anni fa una sanguinosa rivolta nel musulmano Xingjiang ebbe la sua origine proprio nel rifiuto della campagna abortista; la denuncia della politica abortista è uno dei punti forti della lotta contro Pechino dei tibetani in esilio; e le recenti proteste nel Guangxi sono state anche esse originate dallo stesso rifiuto. Non che le campagne cinesi siano tranquille, anzi. Il dato più recente ci informa di 87 mila proteste nel 2005, originate nella stragrande maggioranza dei casi da contrasti tra contadini e «quadri» locali sull’uso del suolo agricolo pubblico. Ultima, di qualche settimana fa, è stata la rivolta scoppiata in una vasta area del ricco Guangdong, dove le terre sono state acquistate da parenti e amici dei «quadri» del posto i quali ora le mettono in vendita a prezzi ben più alti.

    Affidata alla responsabilità dei funzionari locali e modellata nel suo andamento dalle esigenze delle riforme in agricoltura, la politica del figlio unico è stata trattata alla stregua di un «obiettivo produttivo» quasi che gli aborti si potessero paragonare alla raccolta del grano. Essa ha generato incubi: aborti forzati, appunto; campagne di sterilizzazione di massa; abbandono di neonati non «autorizzati»; ecografie per scoprire il sesso del feto e quindi ricorrere all’aborto se femmina. La politica del figlio unico, è il giudizio unanime di quanti fuori Cina hanno studiato il fenomeno, è costato alla donne un inaudito tributo di sangue e di sofferenze. Ma anche la complicità nel perseguire quell’obiettivo: il figlio maschio, visto ancora oggi come indispensabile strumento di lavoro nei campi e unica protezione nella vecchiaia dei genitori. E in effetti la questione demografica è il punto di coagulo di tutte le contraddizioni che dilaniano il Paese: il rispetto dei diritti umani, la difficoltà estrema a delineare un sistema pensionistico, l’assenza di una estesa protezione sanitaria, la reticenza a diffondere le conoscenze sul sesso e la contraccezione, l’abisso che divide il mondo urbano da quello rurale. Per esorcizzare le paure derivanti da uno sviluppo dimezzato, ecco allora che alla famiglia cinese non restano che figli, più figli, figli maschi.

    Con risultati inevitabili, agghiaccianti e pericolosi. Che- Fu Lee e Qiusheng Liang, coautori di un recente libro sulla politica demografica cinese, hanno calcolato che la popolazione di quel grande Paese oggi è inferiore di almeno 500 milioni di persone rispetto a quanto ci si poteva aspettare «naturalmente» e che la politica di controllo degli ultimi 30 anni ha contribuito per almeno il 50% al calo della crescita della popolazione. Ma gli effetti collaterali sono pesanti, appunto. Al censimento del 2000, il rapporto tra maschi e femmine era arrivato a 117 maschi per 100 donne, il più alto in assoluto nella storia cinese e il più alto tra i paesi asiatici. Con punte massime del 130 a 100 nel Jiangxi, nel Guangdong una delle zone più ricche del paese, nell’Henan. Proiettando questi dati, è stato già calcolato, con molta apprensione, che nel 2020, 24 milioni di giovani cinesi ( addirittura c’è chi parla di 50 milioni) non troveranno moglie. Una prospettiva insopportabile in un Paese e in una cultura nei quali il matrimonio -innanzitutto per ragioni sociali- è una istituzione irrinunciabile. Ecco la ragione- almeno una delle principali- del fenomeno che da qualche anno flagella la Cina più povera: il rapimento delle donne per rivenderle a scopo matrimoniale (ne ha anche parlato un film al recente festival di Cannes) e il concubinato, diffuso oramai anche nella ricca Hong Kong. E ci sono studiosi i quali temono che da queste frustrazioni possa derivare l’estendersi di altri fenomeni criminali, oltre a quelli già oggi patiti dalle donne.

    L’altro «effetto collaterale» è l’invecchiamento della popolazione. James E. Howell della Stanford University ha calcolato che tra qualche decennio la Cina sarà un «gigante vecchio», con una popolazione declinante (superata dall’India che avrà raggiunto un miliardo e 300 milioni di persone) e anziana. E dunque con difficoltà per la sua economia: non potrà più contare sulla bruta forza lavoro, ma dovrà fare leva sulle competenze e sulla tecnologia; e con problemi con il suo sistema di protezione pensionistico e di beni per gli anziani. Nel 2000 l’età media della forza lavoro era di 37 anni, nel 2025 salirà a 46.

    Il figlio unico è stato sempre oggetto di discussioni con pressioni perché ci fosse un allentamento, ufficiale, non tollerato nei fatti come adesso. Ma i dirigenti temono che un addolcimento possa aprire la strada a un nuovo picco nel tasso di fertilità, con conseguenze negative sulla crescita e sulla governabilità del Paese. Già adesso, gli squilibri tra zone ricche che sono state graziate dal «mercato socialista» e zone rimaste escluse, appaiono agli occhi dei cinesi più attenti un peso insostenibile. Allentare la politica demografica avrebbe come conseguenza quella di gonfiare ancora di più il serbatoio fatto da centinaia e centinaia di milioni di cinesi che nelle campagne non hanno assistenza, non possono mandare i figli a scuola perché non hanno soldi sufficienti per le tasse, non hanno pensione; e fatto dagli emigranti che si spostano dalle campagne nelle città dove, non potendo contare sul permesso stabile di soggiorno, non possono disporre di niente, non di case ( se non a mercato nero), non di assistenza, non di scuole.

    Il controllo pubblico della sessualità e della riproduzione biologica prevale sempre sul diritto individuale alla sessualità e sulla protezione della donna e del bambino: è questa, sostiene Evelyne Micollier su «China Perspectives», una costante della politica e della cultura cinese, fin dai tempi della prima dinastia imperiale, quella degli Han. Nella Cina delle riforme, cambiamenti ci sono stati anche in questo campo, superando il moralismo dell’epoca maoista o meglio della rivoluzione culturale quando veniva presentato ed esaltato come un eroe da imitare colui-colei che si comportava ignorando la propria identità- e dunque i propri impulsi sessuali. Oggi le indagini sociologiche ci dicono che i giovani della Cina continentale sono più disinibiti di quelli di Hong Kong, dove pare facciano sentire il loro peso la Chiesa e la tradizione moralistica inglese. O di quelli di Taiwan, dove pare si faccia sentire il peso di una cultura confuciana ben solida. Nella Cina continentale le relazioni prematrimoniali non sono più un tabù. In Cina gli studi sociologici sulla sessualità hanno subìto un passo in avanti notevole a partire dal 1990, anche per effetto della diffusione della HIV e della necessità di fronteggiare il fenomeno. Recentemente il ministro della Sanità ha lanciato l’allarme: se non si interviene, entro il 2010 in Cina ci saranno 10 milioni di persone infette. Già adesso il 10% degli infetti è costituito da adolescenti i quali non hanno nozione alcuna del fenomeno e di come proteggersi.

    Si presta più attenzione dunque, e si crea qualche organismo in più. Ma il moralismo cacciato dalla porta rientra in qualche modo dalla finestra. Nei libri di testo per l’educazione sessuale, la masturbazione e le relazioni prematrimoniali trovano poco attenzione, che invece è centrata innanzitutto sulla moralità sessuale. I corsi di educazione sessuale sono facoltativi, e in ogni caso fanno parte dei corsi di biologia; non molta attenzione viene dedicata alle informazioni sulla politica demografica. L’Associazione per la politica di pianificazione familiare, con il sostegno dell’Onu, ha preparato un testo da distribuire nelle scuole purché, ci si augura, l’iniziativa non venga ostacolata da insegnanti e genitori bacchettoni. Una larga parte della opinione pubblica più attenta ritiene che il progredire della modernizzazione possa dare un valido contributo alla definizione di una politica demografica non così invasiva, aggressiva, distruttiva. Ma fino a quando anche in Cina una donna non potrà tranquillamente dire: «il corpo è mio e lo gestisco io» non credo che si possa essere molto ottimisti.

  2. ermes / Jun 2 2007 12:22 PM

    Riporto alcuni passi di un testo di Amartya Sen, “Lo sviluppo è libertà. Perché non c’è crescita senza democrazia”, Milano, 2001 – pagg. 220-227. L’edizione originale in inglese è del 1999. Ometto il rinvio alle note, pur molto presenti, per rendere più scorrevole la lettura; quando necessario chiarisco io stesso alcuni punti tra parentesi quadre.

    Quanto funziona la coercizione?

    (…) Dopo le riforme del 1979, direttive come quella della «famiglia con un solo figlio» sono state sperimentate in gran parte del paese; inoltre, spesso il governo rifiuta di fornire alle famiglie con troppi figli un alloggio e i benefici connessi, penalizzando così non solo gli adulti dissidenti ma anche i bambini. Oggi la fertilità totale della Cina (cioè il numero medio di figli per donna) è di 1,9, inferiore di molto al 3,1 dell’India e di moltissimo alla media ponderata — circa 5 — di tutti gli altri paesi a basso reddito.

    L’esempio cinese affascina molte persone terrorizzate dall’idea della «bomba demografica» e desiderose di trovare una soluzione rapida al problema. Ora, per stabilire se questa via sia accettabile è importante osservare, innanzitutto, che si tratta di un processo che comporta dei costi, ivi compresa la violazione di diritti che hanno una loro importanza intrinseca.

    In alcuni casi, la riduzione delle dimensioni delle famiglie è stata imposta con dure misure punitive. Ecco che cosa riferisce un articolo del «New York Times»:

    “Gli abitanti del villaggio di Tongmuchong non hanno avuto bisogno di lirsi convincere il giorno in cui il funzionario della pianificazione familiare, signora Liao, ha minacciato di far saltare le loro case. L’anno scorso, nel vicino villaggio di Xiaoxi, è stato ordinato a un uomo, un certo Huang Fuqu, di abbandonare la sua abitazione insieme alla moglie e ai tre figli, dopo di che, Ira l’orrore di tutti i presenti, la casa è stata fatta saltare e ridotta in macerie. Sul muro accanto i bombaroli del governo hanno scritto questo avviso: “Quelli che non obbediranno alla polizia della pianificazione familiare perderanno tutto”.” [articolo del 1995]

    I militanti per i diritti umani e le organizzazioni femminili sono particolarmente preoccupati per la diminuzione di libertà che questi sistemi comportano.

    In secondo luogo, anche a prescindere da una questione fondamentale come quella della libertà, riproduttiva o di altro genere, nel valutare l’eventualità di un controllo forzato delle nascite si devono considerare altre conseguenze. Quelle sociali — compreso il modo in cui una popolazione non consenziente tende a reagire alla costrizione — possono essere veramente terribili. L’imposizione della «famiglia con un solo figlio», per esempio, può portare a trascurare — o peggio — i bambini, e quindi a far aumentare la mortalità infantile; e in una terra con una forte preferenza per i figli maschi — caratteristica che la Cina ha in comune con l’india e con molti altri paesi in Asia e Nord Africa — una politica che consenta un solo figlio a famiglia può essere particolarmente esiziale per le femmine. La mancanza di cure, per esempio, può risultare fatale; e pare che proprio questo sia accaduto, su scala abbastanza grande, in Cina.

    In terzo luogo, non è detto che una modifica del comportamento riproduttivo realizzata con la forza risulti stabile. (…)

    In quarto luogo, non è per niente chiaro fino a che punto questi metodi coercitivi abbiano permesso alla Cina di ridurre ancora di più il tasso di fertilità. Si può ragionevolmente supporre che molti dei programmi sociali ed economici a lungo termine adottati dal paese, compresi quelli che hanno esteso l’istruzione (femminile come maschile), reso accessibile a un maggior numero di persone l’assistenza sanitaria, creato nuovi posti di lavoro per le donne e (più recentemente) stimolato una rapida crescita economica, siano stati utili ai fini ditale riduzione; ma poiché simili trasformazioni tendono già di per sé ad abbassare le nascite, non è facile capire in che misura la costrizione le abbia fatte scendere ulteriormente in Cina. In realtà, per questo paese sarebbe comunque prevedibile un tasso di fertilità molto inferiore alla media indiana, dato che è parecchio più avanti per quanto riguarda l’istruzione, l’assistenza sanitaria, la possibilità delle donne di trovare un impiego e altri aspetti dello sviluppo sociale.

    Per «azzerare» l’influenza di queste variabili sociali che niente hanno a che fare con la costrizione possiamo considerare più da vicino — ricordando che l’India è molto più eterogenea della Cina — gli stati indiani maggiormente progrediti in tali settori. È il Kerala, in particolare, a permetterci un confronto interessante con la Cina, visto che può vantare anch’esso un’istruzione di base, un’assistenza sanitaria e via dicendo di alto livello, anzi, leggermente superiori alla media cinese. Inoltre presenta alcune caratteristiche che favoriscono il potere e il ruolo attivo delle donne, ivi compreso il fatto che una parte numerosa e molto influente della comunità riconosce loro, per antica tradizione legale, diritti di proprietà assai estesi. [In nota, Sen sottolinea come il Kerala, se indipendente, si presenterebbe come uno dei più grandi paesi al mondo, data la sua popolazione, allora di 29 milioni di abitanti, di poco maggiore di quella dell’intero Canada. La sua esperienza quindi non è trascurabile, tutt’altro.]

    Di fatto, il tasso di natalità del Kerala (18%) è inferiore a quello cinese (19%), e questo risultato è stato ottenuto senza costrizioni da parte dello stato. Il tasso di fertilità è di 1,7, contro 1,9 della Cina a metà degli anni Novanta; un risultato in linea con quello che ci si poteva aspettare, dato il progresso dei fattori che agevolano la riduzione volontaria delle nascite.

    Effetti collaterali e ritmo di riduzione della fertilità

    È da notare, inoltre, che nel Kerala, dove l’attuale basso livello della fertilità è stato raggiunto volontariamente, non c’è nessun segno di quegli effetti perversi che si osservano in Cina, come la maggiore mortalità delle neonate e i numerosi aborti di feti femmine, Il tasso di mortalità infantile del Kerala per mille nati vivi (16 per le femmine, 17 per i maschi) è molto inferiore rispetto a quello cinese (33 per le femmine e 28 per i maschi); eppure, intorno al 1979, quando in Cina venne avviata la politica del figlio unico, i due tassi erano molto vicini. E nel Kerala non c’è quella tendenza all’aborto selettivo delle femmine che esiste in Cina.

    Dobbiamo anche prendere in esame il principale argomento a favore dei programmi di controllo forzato delle nascite, cioè che il tasso di fertilità può essere fatto scendere molto più rapidamente con mezzi coercitivi che con la riduzione volontaria. Nemmeno questa generalizzazione è confermata dall’esperienza del Kerala, dove la natalità è crollata dal 44% degli anni Cinquanta al 18% del 1991, cioè ha avuto un calo non meno rapido di quello cinese.

    Si potrebbe osservare però che, prendendo in considerazione un periodo così lungo, non si rende giustizia all’efficacia del programma «famiglia con un solo figlio» e delle altre misure coercitive introdotte nel 1979; e che dovremmo, caso mai, confrontare solo ciò che è accaduto dopo quella data. Facciamolo, dunque: nel 1979, quando in Cina fu introdotta la politica del figlio unico, il Kerala aveva un tasso di fertilità superiore a quello cinese (3 contro 2,8). Ma nel 1991 la sua fertilità (1,8) era già al di sotto di quella cinese (2), tanto quanto le era stata al di sopra nel 1979. Dunque in Cina, nonostante il «vantaggio» addizionale del figlio unico obbligatorio e di altre misure coercitive, anche negli ultimi vent’anni il tasso di fertilità è sceso molto più lentamente che nel Kerala.

    Non meno veloce è stata la diminuzione in un altro stato indiano, il Tamil Nadu: da 3,5 nel 1979 a 2,2 nel 1991. Il Tamil Nadu aveva un programma di pianificazione familiare molto attivo e insieme collaborativo, e per portarlo avanti poteva sfruttare una condizione che, sul piano delle conquiste sociali, era relativamente buona rispetto al resto dell’India: uno dei tassi di alfabetizzazione più alti fra i principali stati del paese, una forte presenza femminile nel lavoro retribuito, una mortalità infantile relativamente bassa. Una coercizione di tipo cinese non è mai stata impiegata né nel Tamil Nadu, né nel Kerala, eppure entrambi gli stati hanno ottenuto un calo della fertilità molto più rapido di quello raggiunto dalla Cina dopo aver introdotto la politica del figlio unico obbligatorio e le misure a essa associate.

    Sono illuminanti, a questo proposito, anche i confronti fra quanto è stato realizzato dai diversi stati indiani. Mentre il Kerala e il Tamil Nadu hanno abbassato la fertilità in maniera radicale, al nord, nella cosiddetta «India profonda», altri stati come l’Uttar Pradesh, il Bihar, il Madhya Pradesh, il Rajasthan — tutti con livelli di istruzione, in particolare femminile, e di assistenza sanitaria molto inferiori — hanno ancora dei tassi di fertilità elevati (fra 4,4 e 5,1); e questo nonostante la loro ostinata tendenza a intervenire in maniera pesante, e qualche volta coercitiva, nel campo della pianificazione familiare (l’esatto contrario dell’approccio, più volontaristico e collaborativo, usato nel Kerala e nel Tamil Nadu). Dunque le differenze interregionali all’interno dell’India depongono decisamente a favore della volontarietà (basata, fra l’altro, sulla partecipazione attiva di una popolazione femminile istruita) e contro la coercizione.

    La tentazione della durezza

    Anche se l’India è stata molto più prudente della Cina di fronte all’opzione di un controllo forzoso delle nascite, diversi segni stanno a indicare che l’eventualità di un intervento coercitivo attira fortemente molti dei suoi politici. Verso la metà degli anni Settanta il governo nazionale, guidato da Indira Gandhi, si spinse abbastanza avanti sulla via della costrizione, utilizzando le possibilità legali prospettate dallo stato di emergenza proclamato dal primo ministro e la concomitante sospensione di alcuni fra i principali diritti civili e personali. Gli stati del nord, come ho già ricordato, hanno una serie di norme e regolamenti che impongono varie misure di controllo familiare, soprattutto nella forma irreversibile della sterilizzazione, spesso femminile. [In nota, Sen evidenzia come in India la pianificazione familiare fosse dominata, ancora al tempo in cui scriveva, in misura schiacciante dalla sterilizzazione delle donne. Un esempio: nel Sud, delle donne sposate di età compresa fra i tredici e i quarantanove anni, il 40% sterilizzate, e solo il 14% ad aver fatto uso di un contraccettivo moderno, non definitivo.]

    Ma anche quando la politica ufficiale non contempla la coercizione, l’ostinata insistenza del governo sulla «realizzazione degli obiettivi della pianificazione familiare» porta spesso gli apparati pubblici e il personale medico, a tutti i livelli, a fare pressioni di ogni genere, che non sono molto lontane da una vera e propria costrizione. In certe regioni, per esempio, ogni tanto si ricorre a minacce verbali vaghe ma agghiaccianti; oppure si fa della sterilizzazione una condizione per l’accesso ai programmi di lotta alla povertà, o si nega l’assegno di maternità alle madri di più di due figli, o si somministrano certi tipi di cura solo a coloro che sono stati sterilizzati, o si proibisce a chi ha più di due figli di presentarsi alle elezioni delle amministrazioni locali (i panchayat).

    In alcuni ambienti quest’ultima misura, introdotta qualche anno fa in due stati del nord, il Rajasthan e lo Haryana, è stata molto sostenuta, nonostante che il negare la possibilità di presentarsi alle elezioni comporti una grave violazione di un diritto democratico fondamentale. Nel parlamento indiano è stata anche proposta (ma non approvata) una legge che avrebbe impedito a chiunque, uomo o donna, avesse più di due figli l’accesso alle cariche pubbliche, sia nazionali che di stato.

    A volte ci sentiamo dire che in un paese povero sarebbe un errore preoccuparsi troppo degli aspetti inaccettabili della coercizione; che questo è un lusso che solo i paesi ricchi si possono permettere, e che ai poveri, in realtà, la coercizione non dà fastidio. Non è affatto chiaro su quali dati si basi tale argomento; ma le persone che soffrono di più per queste imposizioni, che sono brutalmente costrette a fare cose che non vorrebbero fare, sono spesso le più povere e prive di privilegi. Inoltre, le leggi e il modo in cui vengono applicate sono quasi sempre particolarmente punitivi per l’esercizio della libertà riproduttiva da parte delle donne. In diverse zone rurali dell’India settentrionale, per esempio, all’approssimarsi della scadenza fissata per l’«obiettivo della sterilità», si è arrivati a usare la barbara pratica di cercare di convogliare, con pressioni di vario genere, le donne povere verso i campi di sterilizzazione.

    Il fatto è che solo con un confronto democratico si può verificare se la coercizione sia o non sia accettabile per una popolazione povera, ma questo confronto è proprio ciò che un governo autoritario nega ai cittadini. In Cina una simile verifica non c’è mai stata; è stata invece tentata in India durante il «periodo di emergenza» degli anni Settanta, quando il governo di Indira Gandhi cercò di introdurre il controllo forzoso delle nascite e sospese una serie di diritti legali e libertà civili, ma — come ho già accennato — il ricorso alla coercizione in generale, e nell’ambito riproduttivo in particolare, fu sconfitto in misura schiacciante nelle successive elezioni generali. Il poverissimo elettorato indiano si dimostrò non meno interessato a respingere col voto quei metodi coercitivi che violavano i suoi diritti politici, civili e riproduttivi, che a protestare contro le disuguaglianze economiche e sociali. E troviamo un chiaro interesse per la libertà e i diritti fondamentali anche negli attuali movimenti politici di molti paesi dell’Africa e dell’Asia.

    Esiste poi anche un’altra faccia della reazione popolare alla coercizione: votare coi fatti. Gli specialisti indiani della pianificazione familiare hanno avuto modo di osservare che nel loro paese i programmi di controllo volontario delle nascite sono stati fortemente danneggiati dal breve periodo della sterilizzazione obbligatoria, perché la gente era diventata molto sospettosa nei confronti dell’intero movimento di pianificazione. Così, le misure coercitive introdotte in alcune regioni dell’India durante il periodo di emergenza non solo ebbero uno scarso effetto immediato sulla fertilità, ma furono addirittura seguite da un lungo periodo di stagnazione della natalità terminato solo intorno al l985.

    Osservazione conclusiva

    (…) L’approccio che appare più degno di attenzione comporta uno stretto collegamento fra un intervento pubblico che pro-muova l’equità fra i sessi e la libertà delle donne (con particolare riguardo a istruzione, assistenza medica e opportunità di lavoro) e la responsabilizzazione delle singole famiglie (tramite il potere decisionale dei genitori potenziali, e in particolare delle madri). Il valore di questa scelta sta nella stretta unione di benessere e ruolo attivo delle donne giovani.

    A grandi linee tutto ciò vale anche per i paesi in via di sviluppo, nonostante la loro povertà; e perché non dovrebbe? Sebbene sentiamo spesso ripetere che chi è molto povero non dà valore alla libertà in generale e alla libertà riproduttiva in particolare, i riscontri empirici, nella misura in cui ci sono, vanno senza ombra di dubbio in direzione opposta. E’ chiaro che gli esseri umani danno valore — e per ottime ragioni — anche ad altre cose, ivi compresi il benessere e la sicurezza, ma ciò non li rende indifferenti ai propri diritti politici, civili o riproduttivi.

    Sono assai scarsi i dati favorevoli alla tesi secondo cui la coercizione ci permette di ottenere più rapidamente quello che potremmo raggiungere anche con il cambiamento sociale volontario e lo sviluppo. Ma una pianificazione familiare forzata può avere anche altre gravi conseguenze negative, oltre alla violazione della libertà riproduttiva, soprattutto per quanto riguarda la mortalità infantile (e in particolare, nei paesi con pregiudizi antifemministi inveterati, quella delle bambine). E non si riesce a trovare nessun motivo per cui dovremmo violare diritti fondamentali come quelli riproduttivi per ottenere qualche altra conseguenza positiva.

    Sul piano dell’analisi strategica, oggi esistono molte ragioni, basate su confronti internazionali ma anche su contrapposizioni interregionali all’interno dei paesi più grandi, per concludere che l’accesso delle donne al potere (che comprende gli accessi all’istruzione, al lavoro e al diritto di proprietà), unito ad altre trasformazioni sociali come la diminuzione della mortalità, è un efficace fattore di riduzione del tasso di fertilità; ed è veramente difficile ignorare la lezione politica implicita in questi fenomeni. Non solo: il fatto che tali fenomeni siano molto auspicabili anche per altre ragioni (come la riduzione della disparità fra i sessi) ne fa un tema centrale dell’analisi dello sviluppo. Né i costumi sociali — il cosiddetto «comportamento normale» — sono indipendenti dal modo in cui la natura del problema viene intesa e valutata. La discussione pubblica può fare moltissima differenza.

    La riduzione della fertilità non è importante solo per le sue conseguenze sulla prosperità economica, ma anche perché un’alta fertilità tende a ridurre la libertà degli esseri umani — e in particolare delle donne giovani — di vivere il tipo di vita che hanno motivo di apprezzare. E’ indubbio che le vite rovinate dal continuo partorire e allevare bambini sono soprattutto quelle delle dorme giovani, in molti paesi ridotte, nel mondo attuale, a macchine per fare figli. È un «equilibrio» che si conserva un po’ perché queste giovani donne hanno scarso potere decisionale in famiglia, un po’ a causa di tradizioni mai messe in discussione che fanno dei parti a ripetizione un destino accettato acriticamente (fino al secolo scorso era così anche in Europa), in cui non viene percepita nessuna ingiustizia. Ma la promozione dell’alfabetizzazione e del lavoro esterno femminile, nonché di una discussione pubblica libera, aperta e bene informata può trasformare in modo radicale gli stessi concetti di giustizia e ingiustizia.

    L’idea dello sviluppo come libertà viene rafforzata da questi nessi empirici, dato che, come ormai sappiamo, il problema dell’incremento demografico (al pari di molti altri problemi sociali ed economici) può essere risolto anche rendendo più libere quelle persone i cui interessi sono danneggiati in modo diretto dalle maternità troppo frequenti, cioè le donne giovani. La soluzione del problema della popolazione richiede più libertà, non meno.

  3. ermes / Jun 2 2007 2:46 PM

    Poche pagine prima (e precisamente da 212 a 219), ancora Amartya Sen:

    Coercizione e diritti riproduttivi

    L’accettabilità della coercizione nel campo delle decisioni familiari solleva problemi molto profondi. E’ possibile un’opposizione sia di chi ritiene che, nel decidere quanti figli avere, la priorità spetti alla famiglia (questa sarebbe dunque, per essenza, una decisione familiare), sia di chi sostiene che si tratta di un problema in cui l’ultima parola spetta, più specificamente, alla madre potenziale (in particolare quando è in discussione un aborto o comunque qualcosa che riguarda il suo corpo). In genere la seconda posizione si accompagna alla difesa del diritto di abortire (e di praticare il controllo delle nascite), ma anche alla tesi che la donna può pure decidere di non abortire, se è questo che vuole (quali che siano i voleri dello stato). (…)

    Nei dibattiti politici dei nostri giorni la parola «diritto» è onnipresente, ma spesso il senso in cui i «diritti» vengono invocati è ambiguo; non è chiaro, in particolare, se si faccia riferimento a diritti istituzionalmente sanciti e che hanno forza di legge, o ci si appelli al valore prescrittivo di diritti normativi che possono anche precedere il riconoscimento legale. La distinzione fra i due sensi non è del tutto precisa; esiste però una questione ragionevolmente chiara, cioè se i diritti possano avere un’importanza normativa intrinseca, e non una semplice rilevanza strumentale all’interno di un contesto legale.

    La tesi che i diritti possono avere un valore intrinseco (e magari pre-legale) è stata negata da molti filosofi della politica, e in particolare dagli utilitaristi. Jeremy Bentham, in particolare, è noto per aver definito «nonsenso» l’idea di diritto naturale e «nonsenso sui trampoli» — espressione che indica, a mio parere, un nonsenso ipergonfiato, che acquisisce un rilievo immotivato grazie a una dilatazione artificiosa — il concetto di «diritto naturale e imprescrittibile». Per Bentham i diritti erano puramente strumentali, e contava solo il loro ruolo strumentale nel perseguimento di determinati obiettivi (compresa la promozione dell’utilità aggregata).

    Qui è possibile individuare un netto contrasto fra due diverse concezioni del diritto. Se considerassimo i diritti in generale — compresi quelli riproduttivi — alla maniera di Bentham, la questione se la coercizione sia o non sia accettabile dipenderebbe esclusivamente dalle sue conseguenze, e in particolare dalle conseguenze in termini di utilità, ma al rispetto o alla violazione di presunti diritti non potrebbe essere riconosciuta nessuna importanza intrinseca. Se invece i diritti fossero considerati non solo importanti, ma anche prioritari rispetto a ogni valutazione delle conseguenze, allora andrebbero accettati incondizionatamente; ed è proprio questo che accade nella teoria libertaria, che propone certi diritti e li considera ineccepibili quali che siano le loro conseguenze: essi sarebbero cioè componenti pienamente accettabili di un assetto sociale indipendentemente dalle loro conseguenze.

    Ho già sostenuto in altra sede che non è affatto necessario optare per l’uno o l’altro corno di questo dilemma, e ho difeso un sistema non indifferente alle conseguenze che comprenda tra i propri fini anche il rispetto dei diritti. Questo sistema ha l’approccio conseguenzialista come elemento in comune con l’utilitarismo (dal quale lo distingue il fatto di non essere attento solo alle conseguenze in termini di utilità), e il riconoscimento dell’importanza intrinseca dei diritti come elemento in comune con il libertarismo (dal quale però diverge perché non dà ai diritti stessi una priorità assoluta e indipendente dalle conseguenze). (…)

    Nel caso del diritto alla riproduzione, considerarlo significativo non implica che la sua importanza sia così preminente da imporne una protezione totale, anche se dovessero generare disastri, miseria e fame di massa. In generale, le conseguenze del possesso e dell’esercizio di un diritto non possono non avere ripercussioni sulla sua stessa accettabilità complessiva.
    (…) Se l’esplosione demografica dovesse continuare, il mondo potrebbe benissimo trovarsi in una situazione molto più difficile dell’attuale, anche sul piano alimentare; e a un aumento rapido della popolazione sono connessi altri problemi, compresi il sovraffollamento delle aree urbane e, naturalmente, il degrado ambientale, a livello sia locale che globale. (…)

    L’analisi maltusiana

    Sebbene Malthus sia considerato, in genere, il primo ad avere discusso la possibilità che la popolazione crescesse eccessivamente, in realtà l’eventualità che il continuo aumento demografico portasse a una diminuzione della felicità era già stata considerata, prima di lui, da Condorcet. Il matematico e grande pensatore illuminista fu il primo a prospettare il nucleo dello scenario di fondo dell’analisi «malthusiana», chiedendosi: «ci dev’essere un termine … in cui l’aumento del numero di uomini sorpassi quello dei loro viveri, e risulti per necessità, se non una continua diminuzione di benessere e di popolazione, un andamento affatto retrogrado o per lo meno una specie di oscillazione tra il bene e il male?».

    Malthus amava questa analisi di Condorcet, che era per lui fonte di ispirazione, e la citò con grandi elogi nel suo famoso saggio sulla popolazione. Dove i due dissentivano, era nel modo di considerare il comportamento riproduttivo. Condorcet preconizzava una riduzione volontaria del tasso di fertilità, anzi predisse che sarebbero emerse nuove norme favorevoli a famiglie più piccole e fondate sul progresso della ragione. Prevedeva anche un’epoca in cui gli esseri umani avrebbero saputo che, se un dovere avevano verso i non ancora nati, questo era di dar loro non l’esistenza, ma la felicità. Secondo lui, questo ragionamento, rafforzato dall’espansione dell’istruzione, soprattutto femminile (di cui fu uno dei primi e più insistenti difensori), avrebbe indotto la popolazione a scegliere di avere meno figli e a formare quindi famiglie più piccole, «anziché ingombrare stoltamente il inondo di esseri inutili e infelici». Dunque Condorcet non aveva individuato solo il problema, ma anche la sua probabile soluzione.

    Per Malthus, però, tale soluzione era inverosimile. Secondo lui era comunque difficile che un problema sociale fosse risolto dall’azione ragionata dei diretti interessati; e per quanto riguardava gli effetti dell’incremento demografico, egli riteneva inevitabile che l’aumento della popolazione si lasciasse indietro l’offerta alimentare: considerava infatti relativamente rigidi i limiti della produzione di cibo. Ma la cosa più importante, rispetto al tema di questo capitolo, è che Malthus era scettico, in particolare, nei confronti della pianificazione familiare volontaria. E’ vero che parla del «ritegno morale» come via alternativa alla riduzione della pressione demografica (alternativa, per l’esattezza, alla miseria e a un’alta mortalità), ma considerava assai ridotte le possibilità che questo ritegno fosse volontario.

    Col passare degli anni, le idee di Malthus su che cosa fosse inevitabile e che cosa no cambiarono alquanto. Man mano che invecchiava era meno sicuro della sua prognosi di un tempo. Negli studi contemporanei su di lui si tende a sottolineare questo «spostamento» del suo pensiero; e in effetti le ragioni per distinguere il primo Malthus dal Malthus tardivo non mancano. Ma la sua fondamentale sfiducia nella capacità della ragione in quanto opposta alla forza della costrizione economica — di indurre gli esseri umani a preferire famiglie meno numerose restò in ampia misura invariata; tanto che, in una della sue ultime opere, pubblicata nel 1830 (morì nel 1834), ribadiva la conclusione che:

    “Non c’è ragione di supporre che cause diverse dalla difficoltà di procurarsi in quantità adeguata le cose necessarie alla vita possano impedire a questo maggior numero di persone di sposarsi precocemente o di allevare in buona salute le famiglie più numerose.”

    Proprio perché non credeva in una scelta volontaria, Malthus concluse che era necessaria una riduzione forzata del tasso di crescita della popolazione; ma, secondo lui, la fonte della costrizione sarebbe stata la natura. Il crollo della qualità della vita derivante dall’aumento demografico non solo avrebbe fatto salire in modo drammatico il tasso di mortalità (fornendo quello che Malthus chiamava «freno positivo»), ma avrebbe anche costretto, attraverso la penuria economica, gli esseri umani a formare famiglie più piccole. Il passaggio fondamentale — e il punto più importante — dell’argomentazione è la convinzione che niente possa davvero abbassare l’incremento della popolazione, a parte la «difficoltà di procurare in quantità adeguata le cose necessarie alla vita». L’opposizione di Malthus alle leggi sui poveri e agli aiuti agli indigenti era legata alla convinzione che esistesse effettivamente questo nesso causale fra povertà e basso incremento demografico.

    La storia del mondo, dal dibattito Malthus-Condorcet a oggi, non ha offerto conferme del punto di vista malthusiano. i tassi di fertilità sono stati rapidamente abbassati dallo sviluppo sociale ed economico; è già accaduto in Europa e Nord America, sta accadendo ora in gran parte dell’Asia e in notevole misura anche in America Latina. I tassi di fertilità restano altissimi, e relativamente stazionari, nei paesi meno privilegiati (e in particolare nell’Africa subsahariana), che ancora non hanno avuto l’esperienza dello sviluppo economico e sociale e continuano a restare sia poveri, sia arretrati sul piano dell’istruzione di base, dell’assistenza sanitaria e della speranza di vita.

    Il calo generalizzato degli indici di fertilità può essere spiegato in maniere differenti. L’idea della correlazione positiva fra sviluppo e riduzione della fertilità viene spesso condensata in uno slogan poco invitante: «Il miglior contraccettivo è lo sviluppo». Ora, in questa idea, per quanto sommaria, può esserci del vero, ma lo sviluppo ha componenti molto diverse (che l’Occidente ha vissuto tutte insieme), come l’aumento del reddito pro capite, l’espansione dell’istruzione, una maggiore indipendenza economica delle donne, la riduzione del tasso di mortalità e la diffusione delle possibilità di pianificazione familiare, tutti aspetti di quello che possiamo chiamare sviluppo sociale. E abbiamo bisogno di un’analisi più sottile.

    Sviluppo economico o sviluppo sociale?

    Ci sono diverse teorie sulle cause di questo calo della natalità. Un esempio autorevole è il modello di Gary Becker sulla determinazione della fertilità: Becker presenta la propria teoria come un’«estensione» dell’analisi malthusiana. In effetti la sua argomentazione ha molte caratteristiche in comune con quella di Malthus (compreso il fatto di trattare la famiglia, secondo un atteggiamento tradizionale, come una singola unità decisionale, senza divisioni interne; su questo tornerò più avanti); ma in realtà egli rifiuta l’affermazione malthusiana secondo la quale la prosperità non riduce la crescita della popolazione, e anzi l’accelera. Nella sua analisi svolgono un ruolo importante le conseguenze dello sviluppo economico sugli investimenti (per esempio nell’istruzione) volti a migliorare la «qualità» dei figli.

    Le teorie sociali del calo della fertilità puntano, al contrario dell’approccio di Becker sui cambiamenti delle preferenze prodotti dallo sviluppo sociale, per esempio dalla diffusione dell’istruzione, e in particolare di quella femminile (si tratta, ovviamente, di una delle correlazioni sottolineate da Condorcet). Dobbiamo distinguere, però, il cambiamento del numero dei figli desiderati da una famiglia che viene indotto, a preferenze immutate, da una variazione dei costi e benefici, e la formazione di nuove preferenze in seguito a mutamenti sociali quali la modifica delle norme accettate dalla comunità o il maggior peso degli interessi delle donne negli obiettivi complessivi della famiglia. Condorcet mette in risalto il secondo fenomeno, Becker il primo.

    Si deve considerare anche la questione della pura e semplice disponibilità di strumenti per il controllo delle nascite e della diffusione delle conoscenze e tecnologie in materia. Nonostante lo scetticismo dei primi tempi, è ormai chiaro che la conoscenza e l’affidabilità pratica modificano davvero la fertilità delle famiglie nei paesi con alta natalità e scarsa diffusione degli strumenti di controllo delle nascite. La rapida diminuzione della fertilità nel Bangladesh, per esempio, è legata al movimento per la pianificazione familiare, e in particolare alla maggiore diffusione di conoscenze e strumenti adeguati; ed è sicuramente significativo che il paese sia riuscito a ridurre il tasso di fertilità da 6,1 a 3,4 in appena sedici anni (fra il 1980 e il 1996). Questa impresa smentisce l’idea che la popolazione dei paesi meno sviluppati non sia disposta ad accettare volontariamente la pianificazione familiare. Tuttavia, il Bangladesh ha ancora molto strada da fare; ed è vero che la sta facendo (il tasso di fertilità continua a scendere rapidamente), ma per avvicinarsi al livello della semplice sostituzione (corrispondente a un tasso di fertilità totale intorno al 2 o 2,1) ci vuole qualcosa di più della nuda disponibilità di strumenti per il controllo delle nascite.

    Il potere alle donne giovani

    Negli ultimi anni è emerso con molta forza un tipo di analisi (…) che riconosce al potere delle donne un ruolo centrale nelle decisioni familiari e nella genesi delle norme comunitarie.

    (…) Esistono ormai dati statistici massicci, basati su confronti fra parti del mondo e nazioni diverse (cioè su quelli che oggi si chiamano studi sincronici), che mettono l’istruzione femminile — alfabetizzazione compresa in relazione con l’abbassamento della fertilità in una serie di paesi di tutto il pianeta. Ma vengono presi in considerazione anche altri fattori, come il coinvolgimento delle donne nelle cosiddette «attività remunerative extradomestiche», la loro possibilità di guadagnarsi un reddito indipendente, i loro diritti di proprietà, il loro stato e la loro posizione generale nella cultura di una società. (…)

    Stando a questo tipo di analisi, lo sviluppo economico non è affatto «il miglior contraccettivo», ma quello sociale — e soprattutto l’istruzione e l’occupazione femminile — può essere veramente efficace. Molti dei distretti indiani più ricchi, per esempio il Punjab o I’Haryana, hanno tassi di fertilità decisamente superiori a quelli dei distretti del sud, dove il reddito pro capite è assai più basso, ma molto più alte sono l’alfabetizzazione e le possibilità occupazionali delle donne. Inoltre, nel confronto fra quasi trecento distretti indiani, il livello del reddito reale pro capite è pressoché privo di effetti in confronto alle forti, corpose differenze prodotte dall’istruzione e dall’indipendenza economica delle donne.

  4. ermes / Jun 14 2007 12:36 AM
  5. Eva Nomin / Sep 26 2011 1:00 AM

Trackbacks

  1. Legal and Safe « Abeona forum

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: