Skip to content
Monday, 4 June , 2007 / Iperione

Dei delitti e delle pene


SPECIALE TG2 10 MINUTI – 03/06/2007 – Edizione speciale sulla proposta di moratoria internazionale sulla pena di morte

Per informazioni:

Video-denuncia (attenzione, con immagini abbastanza crude)

2 Comments

Leave a Comment
  1. ermes / Sep 5 2007 5:47 PM

    Revenge begins to seem less sweet – The Economist print edition, Aug 30th 2007

  2. ermes / Aug 27 2010 11:38 AM

    venerdì 27 agosto 2010, 11.30.38
    PENA MORTE: GIAPPONE, APERTA AI MEDIA CAMERA ESECUZIONI

    MINISTRO GIUSTIZIA CHIBA, SPERO SIA SPUNTO PER DISCUSSIONE

    (ANSA) – TOKYO, 27 AGO – Il ministero della Giustizia nipponico ha aperto oggi per la prima volta ai media la camera delle esecuzioni capitali nel carcere di Tokyo, su iniziativa della Guardasigilli Keiko Chiba, storica sostenitrice del movimento parlamentare per l’ abolizione della pena capitale.

    Durante la visita guidata, della durata di 30 minuti, sono state mostrate le cinque stanze che compongono l’ area adibita alle esecuzioni, tra cui lo spazio dove si trova la botola per le impiccagioni e la ‘ stanza dei bottoni’, nella quale vengono azionati i tre pulsanti che fanno cadere nel vuoto il corpo del condannato.
    Ai cronisti, tuttavia, non e’ stato mostrato il cappio utilizzato per le impiccagioni, ne’ lo spazio sottostante la botola dove viene raccolto il cadavere del detenuto a condanna eseguita.

    ”Abbiamo fatto il massimo per aprire il piu’ possibile la camera – ha dichiarato il ministro della Giustizia Chiba in conferenza stampa -. La speranza e’ che questo possa diventare uno spunto in piu’ a disposizione della gente per la discussione sulla pena di morte”.

    Prima di oggi, la camera delle esecuzioni era stata aperta solo tre volte, ad esponenti parlamentari, ed era sempre stato strettamente vietato scattare foto dei locali o fare delle riprese video.

    Il ministro aveva annunciato l’ iniziativa il mese scorso, dopo aver autorizzato due impiccagioni, le prime sotto il governo guidato dai Democratici, ponendo fine a quella che e’ stata da molti ritenuta una tacita moratoria durata un anno esatto.

    Obiettivo della Guardasigilli era anche tentare di togliere il velo di segretezza che avvolge la pena capitale in Sol Levante: il condannato ignora infatti la data dell’ impiccagione fino alla mattina fatale e anche i familiari vengono avvertiti solo a esecuzione avvenuta. Attualmente sono 107 i detenuti nel braccio della morte in attesa di un’ esecuzione che puo’ arrivare dopo anni (la media e’ oltre sette) o in alcuni casi decenni.

    L’ ipotesi abolizionista, tuttavia, si scontra con un massiccio supporto della popolazione alla pena capitale: secondo l’ ultimo sondaggio l’ 86% dei giapponesi resta ancora favorevole al suo mantenimento. (ANSA).

    27-AGO-10 11: 29

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: