Skip to content
Saturday, 25 August , 2007 / NickPolitik

Scaraventati sulla terra, “costretti” a vivere


Chiamiamole un po’ come ci pare: crisi di fede, crisi depressive, scoramenti, solitudine.

Vivo come sulla lama di un rasoio, come sul ciglio di un precipizio. Trovare un senso alla mia esistenza, al mio pensare, al mio ricercare, alla mia noia. Non ha senso sforzarsi di trovare un senso. Una contraddizione priva di aggettivi positivi o negativi. Un freddo dato di fatto, senza partecipazione emotiva. Non so e non saprò, finchè sarò in vita.

Francamente mi sento confortato dal seguente articolo e, davvero, sento vicina la protagonista. Non sono per il culto delle personalità, men che meno per quello di santi e beati.

Mi ritrovo nel modo di pensare della Grande Sorella e forse (anche se su scala nettamente inferiore) in quello della sua azione. In pratica mi ritrovo nella contraddizione della solitudine intima dei pensieri e la presenza fisica di persone intorno a me, con cui condividere pensieri, parole, opere ed omissioni. Mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa è solo quella di pensare che le due cose siano incompatibili e pensare che tutto ciò possa essere noioso. Eppure tutto cambia e nulla conosco di ciò che avverrà: la mia unica speranza, l’incognita per eccellenza, il futuro.

Forse devo smetterla di camminare a testa bassa, forse devo osservare meglio i colori, ascoltare meglio i suoni e i rumori, forse devo rilassare i muscoli contratti… forse, per fare prima, mi rivolgo a te che leggi e ti chiedo: oh, u tin u fum? Ma sì, scherzo ovviamente, non c’è bisogno di drogarsi per contemplare un complemento oggetto ambiguo.

Vado a vedere ciò che illumina il sole. E poi, magari, se ne avrò voglia e tempo, vi racconterò.

Advertisements

4 Comments

Leave a Comment
  1. ermes / Aug 28 2007 9:58 AM

    Vivi come sulla lama di un rasoio, come sul ciglio di un precipizio – dici.

    Dai peso alle parole? ad una parola dietro l’altra? al concatenarsi delle sillabe?

    Guardati intorno, osserva scrupolosamente, spogliati d’ogni infingimento retorico, applica la tua ragione più lucida, la più fredda, la più pericolosa: registra con l’occhio della precisione matematica – consentimi l’assurdo -, non bendarti dietro i fumi del tuo dire e sentire e “sedicente” soffrire…

    Ti circondano sciami di inquietudine, disperazione, povertà. Parole impronunciabili, come orfanotrofi, regimi, stazioni. E tu trovi il tempo, con Sartre, di parlare della tua noia. Con una leggerezza da far spavento; scherzi – e infine credi a quanto gridi – sull’assenza di senso della e delle vite.

    Arresta il tuo vagolare nel fumo dei paragoni. Ferma quella mente che marcia come un treno che altro non serve se non il suo sferragliare verso il piacere che nasce dall’irresponsabilità. Caro Nicola, parlo a te per parlare a me, donde la franchezza, la mia rabbia…

    Se non trovi strade, apri strade ad altrui. Se perdi conforto, offri vicinanza. Leggi “Il sole dei morenti” o “Down and Out in London and Paris”. Leggi infine “Dicerie dell’untore”. Al prossimo incontro prometto solo e soltanto strigliata da cavallo…

    Con affetto e stima enormi.

  2. ermes / Aug 28 2007 10:01 AM

    Se invece hai davvero bisogno di sole, suoni, rumori e colore… l’altra sera v’era la Notte della Taranta: Mediterraneo da piangere, una Puglia buona e una cattiva…

  3. NickPolitik / Aug 28 2007 10:58 AM

    Si, penso di capire cosa dici. D’altronde Teresa aveva i dubbi e i bui stando a contatto con i poveri. Non come me che sto nel mio appartamento in una società di cultura occidentale e in qualche modo sviluppata. Non ci piove. La mia noia diventa una inutile speculazione. Consentimi di dire che non ho visto la povertà fisica, ma quella delle menti. Forse la mia è presunzione, saccenza, chissà quale aberrante forma di egocentrismo. Tuttavia credo che il mio “giudizio” non sia non condiviso da altri; e questo in qualche modo mi dà forza: il punto di vista di qualcuno si sovrappone un po’ al mio.

Trackbacks

  1. Nessuno è solo « Abeona forum

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: