Skip to content
Sunday, 25 May , 2008 / ermes

Logica stringente


L’azzaccagarbugli che scrive è Presidente emerito del Comitato di bioetica del nostro Paese…

(Per la serie “Saltano i parametri e la possibilità di intendersi”: e sto solo citando la testata dell’articolo.)

Quando l’accusa di omofobia viene dispensata gratis

Francesco D’Agostino, Avvenire, 22 maggio 2008

La dichiarazione della ministra Mara Carfagna di non voler concedere il patrocinio del governo alla manifestazione del Gay Pride ha suscitato le solite prevedibili polemiche, culminanti nell’accusa di omofobia. Negare il patrocinio equivarrebbe a misconoscere i diritti dei gay, a partire da quello dotato di maggiore spessore simbolico, il diritto al matrimonio. Poco mi interessa, in questo momento, valutare su di un piano strettamente politico l’atteggiamento della giovane ministra (atteggiamento peraltro, non privo di saggezza, a quanto ho potuto percepire dai giornali, anche da quelli più antipatizzanti nei suoi confronti). Più della questione politica quella che qui si rileva è infatti una questione giuridica ed antropologica, tutto sommato elementare, ma in merito alla quale si continuano a sollevare polveroni ideologici. Riassumiamola in pochi punti essenziali. Primo punto: hanno diritti i gay? Certamente sì; hanno esattamente gli stessi diritti di cui gode qualunque altra persona umana: sarebbe assurdo il solo dubitarne. La nostra Costituzione, all’art. 3, stabilisce con limpida fermezza che tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Sarebbe difficile immaginare una formulazione migliore del principio costituzionale di eguaglianza. Ne segue che ogni discriminazione nei confronti degli omosessuali, a causa della loro omosessualità, è per la nostra Costituzione (e per la nostra coscienza civile) intollerabile e va assolutamente rimossa. Secondo punto: hanno diritto i gay a manifestare pacificamente contro qualsiasi discriminazione venga perpetrata nei loro confronti? Ancora una volta: assolutamente sì (alle consuete condizioni di ordine pubblico che ogni manifestazione deve rispettare). Terzo punto: hanno diritto i gay ad ottenere il patrocinio del governo per le loro manifestazioni? La risposta è no: tutti coloro che attivano una manifestazione hanno ovviamente il diritto di ‘chiedere’ il patrocinio, non quello di ‘ottenerlo’. Spetta al governo valutare se concederlo, in base a un criterio molto semplice: è in gioco un reale interesse pubblico? Nel nostro caso: è in atto una tale discriminazione nei confronti degli omosessuali, da giustificare a favore del Gay Pride un patrocinio, così altamente simbolico, come quello governativo? La risposta è negativa, a meno che non si diano (ma nessuno oggi ci riesce) esempi concreti di discriminazioni sociali in atto nel nostro paese nei confronti dei gay. Quarto punto: il mancato riconoscimento legale in Italia delle unioni omosessuali non costituisce obiettivamente una discriminazione nei confronti dei gay? No, a meno che non si provi (e non semplicemente si affermi) il contrario. Ma si tratta di una prova impossibile, perché al diritto non spetta qualificare giuridicamente la vita sessuale dei cittadini (e meno che mai quella dei gay). C’è una sola eccezione a questo principio, quella del matrimonio, che è però istituto strutturalmente eterosessuale, perché fondativo della famiglia (come riconosce l’art. 29 della nostra Costituzione). La pretesa dei gay di ottenere per le loro convivenze un qualsiasi riconoscimento legale (fino a quello matrimoniale) non ha motivazioni sociali, ma solo psicologiche e simboliche, motivazioni che dimostrano il carattere mimetico delle unioni omosessuali (rispetto a quelle eterosessuali) e la loro strutturale fragilità (un’unione intrinsecamente forte si difende tranquillamente da sola, senza chiedere aiuto al diritto). Quinto punto: chiunque difenda posizioni come quelle cui sopra si è accennato sa bene di prestare il fianco all’accusa di omofobia. Si tratta naturalmente di un’accusa che è ben difficile evitare, in un dibattito così ideologicamente connotato come quello sull’omosessualità. Non si dovrebbe però mai dimenticare che il prezzo per non essere accusati di omofobia sta diventando ormai troppo alto, se è né più né meno che quello di cedere (consapevolmente o inconsapevolmente) all’’eterofobia’. Cosa altro è, in fondo, se non un segno di irriducibile e inaccettabile ‘eterofobia’ il tentativo di svuotare dal di dentro la realtà antropologica e storica del matrimonio, come unione tra uomo e donna?

Advertisements

5 Comments

Leave a Comment
  1. ermes / May 29 2008 4:02 PM

    P.S.: non che io tenga particolarmente ai patrocini (che peraltro ormai si regalano a chiunque…)

  2. Guido Lacarrozza / Sep 25 2008 9:51 AM

    Sempre secondo logica (co)stringente, D’Agostino spiega al volgo la Buona Novella:

    “…la più bella icona di Gesù è quella del pastore (immagine che non a caso i vescovi attribuiscono a se stessi): il pastore è metafora di colui che ama e si prende cura delle sue “pecore”, e non – per dire – di uno zoologo che si interessa di loro solo come oggetto di ricerca scientifica”.

    Eureka!

    P.S.: il resto dell’articolo è tutta una teoria di trucchi e trucchetti per piegare al meglio il diritto pubblico ad ansie e dogmi privati.

  3. Ivo Catt / Oct 8 2008 9:50 AM

    “…quasi mai i libertari si preoccupano di prendere atto delle critiche che vengono loro rivolte e di rispondere ad esse”.

    Ancora e sempre fango in faccia a chi (semplicemente) la pensa in modo diverso da lor Soloni… ehm… da lor signori…

  4. Eva Aggiung / Feb 25 2009 9:18 PM

    Lo smarrimento dell’assolutista moderno…

  5. Eva Complich / Oct 6 2010 4:52 PM

    Sì, però… insomma, comunque se poi.. d’altronde, certo non è possibile… eppure, quantunque si pensi… sarà pur vero… naturalmente bisognerà anche… e quindi se a corrisponde a b… è chiaro che z viene dopo y… Logico, no??

    Ecco perché aveva ragione Pio IX.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: