Skip to content
Sunday, 17 August , 2008 / ermes

Trucchi e belletti


Un incredibile hegeliano che si dichiara non hegeliano…

Un indecente giustificazionista che si dedica oziosamente a disquisire di storia del Novecento come fosse chiacchiericcio da bar…

Un pover uomo (sia detto senza acrimonia, senza presunzione: non altro ispira se non tenera pietà) sconfitto dalla vita, dagli errori, dalle sufficienze, dalle banalità, dai giochi di dominio, cui s’è così lussuriosamente abbandonato per decenni…

Un disperato prestigiatore arrivista che, non più in grado di sorprendere alcuno, non riesce a farsi da parte…

Come un vecchio giocoliere che non sappia darsi conto (e pace) della sua mediocrità, e passi le notti a rivedere le proprie inutili (e drammatiche) performance davanti ad un inceppato registratore di VHS…

Come un uomo solo, circondato dal sol potere di disporre delle coscienze altrui, che operi per plagiarle e infine legittimare a se stesso le proprie azioni ed omissioni…

Come un fossile paleozoico che ambisca scintillare in deserto museo…

Come un rotto mangianastri che gracchi sempre (e ancora) note d’ebbra illusione e violenta perversione…

6 Comments

Leave a Comment
  1. ermes / Aug 17 2008 7:31 PM

    D’altronde, è proprio vero che non riusciamo a smettere di interessarci alla preistoria

  2. ermes / Aug 17 2008 7:48 PM

    E va pur detto che la politica del pesce in barile può vantare ben augusti maestri.

  3. Ivo Comprens / Oct 22 2008 1:09 PM

    Finalmente capiamo perché disse che la Lega è una costola della sinistra. Intendeva dire proprio una costola del “suo” torace…

    P.S.: le due vallette che lo circondano sono le peggiori cheerleader che abbia mai visto…

  4. Ivo Primit / Nov 7 2008 11:38 AM

    “E l’importanza dell’esperienza americana, ancora, sta nel coraggio del cambiamento. In un meccanismo che favorisce anche l’emergere di nuove leadership. Naturalmente, però, Obama non è diventato presidente degli Stati Uniti da un giorno all’altro. Ha fatto politica partendo dalla base, è cresciuto abbastanza rapidamente sulla scena americana. Loro hanno meccanismi forti di ricambio della classe dirigente. Le primarie le fanno in modo diverso da noi, secondo me meglio. Come le concepiscono loro, le primarie rappresentano un processo di formazione del consenso intorno alla leadership, mentre noi – a volte – rischiamo di concepirle come un processo di formazione delle divisioni. Per questo, per noi, sarebbe interessante studiare attentamente il loro sistema”.

    P.S.: dopo duecento e passa anni…

  5. ermes / Jan 22 2009 1:32 PM

    Peppino Caldarola sul Riformista.

    (P.S.: qualcuno con un passato un po’ più liberale forse non avrebbe scritto di “filo-musulmani”, bensì di “filo-integralisti”)

Trackbacks

  1. Essere o non essere: questi sono il problema « Abeona forum

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: