Skip to content
Friday, 10 October , 2008 / sermones

L’intransigenza di Benedetto XVI ed il pavido operato di Pio XII


Articolo non firmato pubblicato da Repubblica il 9 ottobre scorso:

Pio XII, Ratzinger respinge le accuse "Rimase in silenzio per aiutare meglio"

Al sinodo dei vescovi il pontefice esalta la figura di papa Pacelli, negandone l’antisemitismo
Nei giorni scorsi il rabbino di Haifa aveva polemizzato con la proposta di beatificarlo

Pio XII, Ratzinger respinge le accuse
“Rimase in silenzio per aiutare meglio”

CITTA’ DEL VATICANO – Quello di Pio XII sulla persecuzione degli ebrei fu non fu un silenzio dettato da condivisione o paura, ma dalla convinzione che senza clamori la sua azione di aiuto e solidarietà avrebbe avuto più efficacia. E’ questa la ricostruzione storica offerta da Benedetto XVI durante l’omelia della messa celebrata nell’ambito del Sinodo dei Vescovi in occasione dei 50 anni dalla morte di papa Pacelli.

Parole dettate anche dalla necessità di smorzare le polemiche lanciate nei giorni scorsi dal rabbino capo di Haifa Shear Yesuv Cohen. Invitato al sinodo in qualità di ospite, il religioso ebraico aveva infatti rilanciato le accuse contro Pio XII: “Crediamo che non dovrebbe essere beatificato o preso a modello, perché ha mancato di salvarci o di levare la sua voce, anche se ha cercato segretamente di aiutare”.

Le cose secondo Ratzinger andarono però diversamente. Di fronte alla persecuzione nazista e fascista degli ebrei, ha sostenuto stamane il Pontefice, papa Pacelli “agì spesso in modo segreto e silenzioso proprio perché, alla luce delle concrete situazioni di quel complesso momento storico, egli intuiva che solo in questo modo si poteva evitare il peggio e salvare il più gran numero possibile di ebrei”. “Per questi suoi interventi – ha poi aggiunto – numerosi e unanimi attestati di gratitudine furono a lui rivolti alla fine della guerra, come pure al momento della morte, dalle più alte autorità del mondo ebraico”.Sulla base di queste premesse Benedetto XVI ha quindi fatto chiaramente capire di essere favorevole alla beatificazione di papa Pacelli malgrado le polemiche della comunità ebraica.”Preghiamo – ha detto – perché prosegua felicemente la causa di beatificazione del Servo di Dio Pio XII”. “E’ bello ricordare – ha proseguito – che la santità fu il suo ideale, un ideale che non mancò di proporre a tutti. Per questo dette impulso alle cause di beatificazione e canonizzazione di persone appartenenti a popoli diversi, rappresentanti di tutti gli stati di vita, funzioni e professioni, riservando ampio spazio alle donne”.

Parole nette, alle quali non hanno fatto seguito però indicazioni precise sui tempi per la firma del decreto (già approvato dalla Congregazione per le Cause dei Santi) di riconoscimento delle “eroiche virtù” di Pio XII, premessa della beatificazione. Domenica sera intanto, Comunità di Sant’Egidio e Comunità ebraica di Roma, marceranno insieme da piazza Santa Maria in Trastevere, per ricordare gli oltre mille ebrei romani catturati e deportati nel campo di concentramento di Auschwitz durante l’occupazione nazista della capitale.

3 Comments

Leave a Comment
  1. Ivo Sch / Oct 11 2008 12:28 AM

    All’autore del post: non è troppo sintetico esprimere la propria opinione (su un tema peraltro così importante) soltanto con la scelta un titolo?

    P.S.: la foto mi pare superflua.

  2. sermones / Nov 4 2008 11:26 AM

    1) si’ hai ragione, infatti ho cominciato ad introdurre gli articoli con un breve commento
    2) quanto alla foto, inutile si’, ma era già nell’articolo cosi’ come l’ho copiato ed incollato dal sito di Repubblica

  3. Isa Parad / Mar 10 2009 7:09 PM

    A proposito del disperato tentativo di revisionare la storia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: