Skip to content
Monday, 27 October , 2008 / sermones

Letteratura Medico-legale


L’ennesimo articolo sui mali dell’Università? Certo, direte voi! E invece no! Leggete e rimarrete, come me, increduli di fronte ad un caso in cui l’inimmaginabile supera i limiti del pensiero umano. Neanche il miglior Sciascia, temo, sarebbe riuscito a fare di meglio. Un concorso in Medicina legale, con prove sugli accertamenti dell’autopsia, vinta da una laureata in Lettere! Forse perchè la candidata/vincitrice è figlia di un docente ordinario che siede nel CDA della medesima Università che ha bandito questo posto di docente a contratto? Absit iniuria verbis, sed …… ogne scarrafone è bell a mamma soje!! E c’è ancora chi lavora (e purtroppo per lui, ci crede pure!!) ai codici etici per l’Università!? Ma se siamo ormai evidentemente di fronte ad una farsa pirandelliana in cui anche i confini tra il reale ed il ridicolo si fanno sempre più fumosi! E’ possibile veramente in queste condizioni attendersi una palingenesi, una catarsi dell’Università italiana? Io ci credo sempre meno.

Vince il concorso a Medicina ma è laureata in Lettere

Roma, inchiesta sui concorsi bluff alla Cattolica: la vincitrice sarebbe figlia di un professore ordinario. Indagano Tar e procura di Roma

di MARINO BISSO E CARLO PICOZZA
ROMA – Et voilà, dal cilindro di un docente a contratto escono i nomi dei vincitori di due concorsi per tre posti da ricercatore. Accade prima che si svolgano le prove. Teatro: la facoltà di medicina dell’università Cattolica del Sacro Cuore. Così, quei concorsi che appaiono pilotati, finiscono nel mirino delle indagini coordinate da Maria Cordova, procuratore aggiunto di Roma. La previsione centrata e non solo: a incuriosire gli inquirenti, ci sarebbero i titoli dei vincitori. In particolare, il possesso di una laurea in lettere per un concorso in medicina legale vinto dalla figlia di un ordinario della facoltà e componente del consiglio di amministrazione dell’ateneo.
Gli inquirenti vogliono chiarire se le prove sostenute da diversi aspiranti ricercatori per l’istituto di Medicina legale dell’università Cattolica del Sacro Cuore siano state decise anzitempo. In anticipo, come le previsioni di un candidato escluso. I carabinieri della sezione di palazzo di giustizia hanno concentrato le indagini proprio sul concorso svolto per la nomina di un ricercatore a Medicina legale e vinto da una candidata con una laurea in Lettere.

Il sostituto procuratore Maria Cristina Palaia ha disposto nei giorni scorsi l’acquisizione della documentazione inerente la selezione. L’inchiesta, al momento contro ignoti, è scattata dopo alcuni esposti. In particolare quelli di uno dei candidati che aveva partecipato alle due selezioni e previsto i risultati delle prove. E per dare maggiore valore probatorio ai suoi pronostici, aveva inviato una lettera al ministro dell’Università e della Ricerca con i nomi dei futuri vincitori, quando ancora non si conoscevano numero e identità dei concorrenti. In effetti, su sei candidati, ha centrato il nome dei due fortunati.

A tutta risposta, dal ministero è arrivata al docente a contratto la comunicazione che le sue segnalazioni erano state girate alla magistratura. E adesso, con la procura di Roma, a occuparsi del caso sono anche i giudici del Tribunale amministrativo regionale del Lazio.

Le indagini dei pm tendono a chiarire se il possesso di una laurea in lettere per un concorso in Medicina legale, sia titolo adeguato. Tanto più che le prove vertevano sugli accertamenti dell’autopsia. Certo, nel bando la Cattolica chiede che i candidati sappiano anche di Bioetica clinica. Ma proprio sulle parole sembra consumarsi l’equivoco. E la vittoria del concorso. La candidata scelta, infatti, ha sì un curriculum orientato sulla Bioetica ma non, naturalmente, su quella clinica. I magistrati vogliono far luce sulla regolarità delle prove e sulle procedure.

E sciogliere ogni dubbio sui possibili vantaggi derivanti dalla parentela stretta della vincitrice con un prof di Medicina che siede anche nel cda dell’università.
Ora il candidato escluso dopo cinque anni di insegnamento si sfoga: “Non è la prima volta con lo stesso presidente di commissione: anche l’anno scorso fui l’unico escluso in un concorso per dottorato in Scienze medico-forensi pur essendo il solo ad avere in tasca la laurea in Medicina”.

 

La Repubblica, (27 ottobre 2008)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: