Skip to content
Thursday, 19 February , 2009 / ermes

“Una città democraticamente militarizzata”


Mi chiedo come sia mai possibile che la nobile (perché tragica) storia del cattocomunismo italico vada a terminare in capitribù e caudilli di ogni genere. Poi riguardo meglio alla nobile (perché tragica) storia del cattocomunismo italico e capisco…

Di seguito un’intervista al Sindaco della città di Bari, populista e vendifumo come pochi altri, che è anche coordinatore regionale del Partito democratico. Cos’altro dire? Complimenti al Partito democratico…

da-mo-vale

Il Sindaco di Bari: “Faccio le ronde anche solo”

di Bepi Castellaneta, Il Giornale, 19.02.09

Bari – Il controllo del territorio è un suo vecchio pallino, la sicurezza è ai primi punti del suo programma politico. E l’etichetta di «sceriffo», che gli appioppano storcendo il naso nei salotti buoni della sinistra pugliese, non gli fa né caldo né freddo. Lui, Michele Emiliano, sindaco di Bari e coordinatore regionale pugliese del Pd, ex magistrato antimafia, tira dritto per la sua strada e a proposito delle ronde dice: «Non capisco che cosa ci sia di male, si tratta di cittadini che si rendono utili alla collettività applicando un principio di solidarietà».

Sindaco, la parola ronde suscita reazioni contrastanti.
«Purtroppo in Italia siamo ancora fermi all’8 settembre».

In che senso?
«Nel senso che anche su questioni delicate, come la sicurezza, le forze politiche sono divise da steccati ideologici».

Ma in concreto le ronde potrebbero essere utili?
«Di certo non sono inutili, almeno come le intendo io».

Vale a dire?
«Penso a un pattugliamento civico, un’occupazione del territorio da parte di gente disarmata che applica un principio di solidarietà. Del resto si può dire che anch’io da anni faccio le ronde».

E come?
«Alla guida della mia moto, una Moto Guzzi 950 modello California».

Trova che sia utile?
«È un modo per osservare in prima persona come vivono i miei concittadini: siamo sullo stesso piano, tutti sanno che il sindaco è presente; pensi che ormai mi riconoscono dal casco».

Eppure il termine ronda provoca forti opposizioni.
«Perché la parola riecheggia forme di squadrismo fascista. Su tematiche come sicurezza e giustizia ci vorrebbe maggiore coesione».

E quindi?
«Davvero auspicabile una legge nazionale per spiegare di cosa si tratta e risolvere l’arcano delle ronde».

In alcune città sono già in atto forme di controllo da parte di cittadini.
«Lo facciamo anche a Bari, dove vengono utilizzati nei controlli dinanzi alle scuole. Ma noi stiamo pensando ad altro».

A che cosa?
«Come presidente dell’Area di sviluppo industriale sono impegnato nella costituzione di una società privata di sorveglianza».

Con quale obiettivo?
«Mettere in campo un corpo di vigili dell’area metropolitana con il supporto dei Comuni vicini: agiranno insieme alla polizia municipale; ovviamente tutto questo non basta».

Che altro ci vuole?
«Aggiungeremo 57 nuove telecamere alle 57 che già ci sono nella zona. In tutto a Bari ne abbiamo 100, posso dire con orgoglio che questa è una città democraticamente militarizzata».

Ma è anche una città sicura?
«Tutte le altre grandi città del sud sono decisamente meno sicure di Bari, da queste parti la criminalità organizzata è stata quasi del tutto sconfitta: quindi è un grande passo avanti».

9 Comments

Leave a Comment
  1. Eva Cicred / Feb 19 2009 12:00 PM

    “…da queste parti la criminalità organizzata è stata quasi del tutto sconfitta”: non a caso, Zio Paperone ha deciso di costruirvi un nuovo deposito e il commissario Bassettoni è in decennio sabbatico…

  2. Onda Rondasur / Mar 2 2009 3:14 PM

    Utilissime queste ronde!

  3. Eva Raffigur / Mar 5 2009 5:10 PM

    Una città democraticamente fotografata

  4. Eva Paragon / Mar 16 2009 11:12 AM

    Più o meno come le ambulanze…

  5. Eva Incit / Mar 30 2009 9:08 PM

    Un popolo di commissari tecnici…

  6. Eva Degust / May 6 2009 6:25 PM

    Come parlare alla pancia del volgo…

  7. Eva Squadr / Jun 13 2009 5:19 PM

    Giocare con i soldatini

  8. Eva Sconvolg / Oct 14 2009 10:03 PM

    Ormai siamo oltre la barriera del suono… non ci credo, non posso crederci… siamo davvero nelle mani di illusi e disperati (oltre che disperanti) maestri dell’autoipnosi…

  9. Eva Cinguett / Dec 4 2011 6:40 PM

    Cip (e Ciop).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: