Skip to content
Thursday, 5 March , 2009 / ermes

Il Paese dei balocchi


Di seguito articolo a firma di tale G.Dec. sull’edizione di ieri del quotidiano Libero (nome che di per sé è già una presa in giro…) L’articolo che riporto non è altro che una stopposa accozzaglia di insulsaggini che ben può essere presa a rappresentazione di chi scrive e di cosa si scrive sui giornali in lingua italiana (se pure…)

pinocchio1CAMERA INFUOCATA
Deputati pro Roma: in 150 attaccano i fischietti incapaci

ROMA Opposizione e maggioranza unite dalla stessa passione calcistica: la fede giallorossa. Destra e sinistra insieme, nel Roma club Montecitorio, contro i torti arbitrali. Politici che si trovano spesso su posizioni distanti, stavolta sono in sintonia per protestate contro il rigore concesso dall’arbitro Rizzoli domenica sera in Inter-Roma. Paolo Cento, conosciuto come “Er piotta” ex deputato dei Verdi, e il senatore Stefano De Lillo (PdL) hanno annunciato che presenteranno un’interpellazione parlamentare in cui chiederanno un cambio nella classe arbitrale e la presenza di stumenti tecnici in campo. Insomma destra e sinistra, a Roma, concordano su due cose: la richiesta di arbitri all’altezza dello spettacolo che il calcio italiano offre ogni domenica, e la moviola in campo, da anni cavallo di battaglia del giornalista televisivo Aldo Biscardi. Cento e Delillo, acerrimi nemici per anni in Campidoglio, sono ora i presidenti di Roma Club della Camera (Cento) e del Senato (De lillo). Lo hanno annunciato ieri sera a Roma, in occasione dell’approvazione del bilancio del club dei tifosi. Con loro anche tifosi vip come il parlamentare del Pd, Roberto Giachetti, Ignazio Abrignani del PdL e Adriano Musi (democratico). Alla presenza anche di Maria Sensi, moglie dell’ex presidente Franco, Paolo Cento ha criticato il comportamento del giocatore interista, Mario Balotelli, «per aver compiuto un gesto offensivo nei confronti dei tifosi giallorossi, dopo il suo secondo gol segnato alla Roma». Davanti a centocinquanta soci del club, alla presenza del dirigente giallorosso Antonio Tempestilli, ai giocatori Motta e Diamoutene e a una firma storica del giornalismo capitolino come Lino Cascioli, l’ex sottosegretario all’economia del governo Prodi, Paolo Cento ha ribadito che: «Domenica sera mi sono sentito preso in giro. Vedere una partita decisa da un errore arbitrale lascia l’amaro in bocca. Non è neppure la prima volta che capita a Milano. L’anno passato così ci è stato tolto lo scudetto», proprio come un vero tifoso ultrà.

3 Comments

Leave a Comment
  1. Eva Valut / Mar 5 2009 11:00 AM

    Osservazioni in ordine sparso:

    1) Davvero realistica l’immagine di una Camera dei deputati “infuocata”.

    2) I “150” che “attaccano i fischietti incapaci” non erano tutti parlamentari, ma anche giornalisti, dipendenti del Parlamento etc. “Er piotta” stesso è un ex deputato…

    3) In un articolo di stampa, dopo l’indicazione della città in cui si scrive, è necessario un trattino o altro minimo segno di interpunzione.

    4) What’s “protestate”?????

    5) Non esistono “interpellazioni parlamentari”, bensì solo interpellanze o interrogazioni…

    6) What about “stumenti”????

    6) Complimenti per il richiamo al “giornalista televisivo” Aldo Biscardi e al suo “cavallo di battaglia”…

    7) Il periodare che segue è a dir poco indecente: “Cento e Delillo, acerrimi nemici per anni in Campidoglio, sono ora i presidenti di Roma Club della Camera (Cento) e del Senato (De lillo). Lo hanno annunciato ieri sera a Roma, in occasione dell’approvazione del bilancio del club dei tifosi”.

    8) Non meno disordinata la frase successiva: “Con loro anche tifosi vip come il parlamentare del Pd, Roberto Giachetti, Ignazio Abrignani del PdL e Adriano Musi (democratico)”.

    9) Rigore giornalistico vorrebbe che si scegliesse una volta per sempre se indicare solo i cognomi o anche i nomi delle persone citate (onde evitare sparate del tipo: “alla presenza del dirigente giallorosso Antonio Tempestilli, ai giocatori Motta e Diamoutene e a una firma storica del giornalismo capitolino come Lino Cascioli”).

    10) Chi è poi ‘sto Lino Cascioli???

    11) Il “che” seguito dai due punti e dalle virgolette è il leader storico degli errori blu!

    12) Sul disinvolto e allegro uso delle virgole meglio, infine, sorvolare…

  2. Alex G / Mar 9 2009 7:14 PM

    Deputati pro “Italia e italiani” non ce ne sono? Spero nn siino a sQuola col giornalista………..

  3. Eva Ricord / Mar 28 2009 8:54 AM

    Nell’edizione romana dello stesso giornale ci si concentra invece sui “buu”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: