Skip to content
Wednesday, 16 June , 2010 / sakurasan81

Addio ai joystick! Con Kinect, Microsoft rivoluziona l’entertainment.


di Federico Guerrini, La Stampa.it

L’interazione con le tecnologie sta cambiando. Piano piano quasi impercettibilmete, si aboliscono gli accessori come il joystick e il mouse, e le mani e il corpo riprendono le loro funzioni naturali, quelle con cui ogni giorno si muovono nell’ambiente circostante per toccare gli oggetti e spostarsi nello spazio. Il nuovo dispositivo Kinect, associato all’Xbox e presentato da Microsoft pochi giorni all’E3 2010 di Los Angeles, va in questa direzione. Associato alla console, permetterà al giocatore di interagire coi giochi senza usare alcuno strumento.

Rappresenta perciò una piccola (o forse nemmeno tanto piccol) rivoluzione. Va un passo oltre le tecnologie di concorrenti come Nintendo, con la sua Wii o la Playstation di Sony, poiché non si limita a registrare i movimenti di un controller, ma dell’intero corpo umano. La distanza fra realtà e gioco viene abolita: la fatica diventa vera fatica fisica, per simulare una gara di corsa bisogna correre, per un salto si deve saltare e via dicendo.

Kinect può tenere traccia ed elaborare i movimenti di fino a 4 persone situate di fronte al dispositivo. È in grado di capire se una persona è seduta o in piedi o si trova di fronte o dietro a un’altra persona. È dotato di un sistema di riconoscimento vocale che consente agli utenti di impartire comandi verbalmente, come mostrato in uno dei giochi presentati in anteprima a E3, Paint Party. Il gioco consiste nel lanciare getti di colore su un ipotetico “muro”; la tinta può essere scelta semplicemente pronunciando il suo nome.

Kinect è l’implementazione concreta di quello che era conosciuto finora come Progetto Natal: un progetto annunciato lo scorso anno, a cui però Microsoft sta lavorando da molto tempo: si presenta sotto forma di un piccolo accessorio, un scatoletta da collegare alla Xbox. Al suo interno si trovano un software di riconoscimento del movimento capace di seguire i movimenti del corpo umano in ben 48 punti, una videocamera 3D capace di calcolare la profondità (la distanza di un oggetto dal suo obiettivo), e un sensore audio.

Potrà essere usato non solo per giocare, ma anche per gestire l’avvio e la riproduzione di contenuti multimediali come film e musica. Sarà commercializzato a novembre, con una quindicina di giochi già in catalogo che presto aumenteranno di numero, dato che quasi tutti i grandi produttori di videogame hanno già annunciato di stare lavorando a versioni dei loro maggiori successi pensate appositamente per il nuovo dispositivo. Microsoft non ha voluto ancora fornire dettagli sul costo, ma si rumoreggia di un prezzo attorno ai 150 dollari.

One Comment

Leave a Comment
  1. Tilly / Jun 16 2010 6:57 PM

    Spero sia affascinante come sembra e che sia davvero on the shelf entro l’anno. Purtroppo la Miscrosoft è esperta in ritardi e posticipazioni, infatti questo è l’ex Project Natal che era in ritardo di oltre 2 anni.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: