Skip to content
Monday, 3 January , 2011 / ermes

“…persino la sottoscritta vive momenti di scoramento”


“Quinto motivo per non espatriare. «È l’altro grande segnale che il cambiamento è iniziato: un governo di giovani, con ministri under 40 come la sot­­toscritta, la Carfagna, la Me­loni, Alfano, Fitto».
E di donne che piangono e minacciano di andarsene: Carfagna, Prestigiacomo. Tocca a lei ministro. «Problemi risolti».
Maschilismo strisciante. «Normali incidenti di percor­so, ma con una compattezza di base. Berlusconi per pri­mo ha dimostrato di credere nelle donne».”

Gelmini: “Cari ragazzi, non scappate all’estero”

di Paola Setti, Il Giornale, 30 dicembre 2010

Appello del ministro dell’Istruzione contro gli intellettuali disfattisti che professano la fuga: “Dalla Fiat all’Università, vincerà il progresso”. E sulle difficoltà spiega: “Le parentopoli e lo status quo scoraggiano persino me”. Ma rilancia: “Il sistema si combatte dall’interno”

Ministro Mariastella Gelmini, li convinca lei i giovani a restare in Italia. «Tanto per cominciare l’an­no prossimo celebriamo i 150 anni dall’Unità, e il no­stro Paese avrà difetti, ma…»
Ferma! Se lo vede lei uno studente che resta perché ci sono le celebrazioni? «Guardi che persino la sottoscritta vive momenti di scora­mento».
E fa il ministro a 37 anni. C’è chi a 37 anni ancora cerca lavoro. «Con la fatica che ho fatto a far passare la riforma del­l’Università mi sono resa con­to quanto è difficile cambia­re le cose. Ma è ingiusto con­sigliare la fuga».
Prima pagina del Corsera, Giovanni Belardelli agli studenti: «Andatevene al­l’estero». Solo l’ultimo di una serie di appelli. «L’analisi del professore è ab­bastanza condivisibile».
Meritofobia, parentopoli. «E uno stato di conservazio­ne che sembra impossibile da scalfire. La sinistra…»
Vabbè, facile dare la colpa alla sinistra. «Il fatto è che a questo punto la grande sfida è distinguere fra chi vuole il cambiamento e chi difende lo status quo. La sinistra ha fatto della conser­vazione il suo leitmotiv, a noi spetta allargare il fronte di chi vuole cambiare».
Come si fa? «I segnali di cambiamento ci sono. Dobbiamo crederci e batterci perché si moltiplichi­no, non mollare».
Tègn dur, si dice dalle sue parti. «Il sistema si combatte dal­l’interno».
Cinque motivi per farlo. «Primo: Mirafiori».
È stato appena siglato l’ac­cordo a Pomigliano. «È una rivoluzione».
Lo dica alla Fiom che mi­naccia sfracelli. «È la sinistra di cui parlavo. Nessun sindacato si può arro­gare il diritto di condannare il Paese all’immobilismo».
Dicono che quello di Mar­chionne è un ricatto: si fa come dico io o me ne vado. «Sacrosanto».
Sacrosanto. «L’accordo consentirà a Fiat di crescere. E al Paese intero di vedere rivoluzionato il rap­porto fra lavoratore e datore di lavoro».
È la vittoria dei padroni su­gli operai, dice la sinistra. «Questa è la grande svolta: imprenditori e lavoratori non sono più categorie con­trapposte, ma hanno identi­ci interessi. Se un’azienda viene messa in condizione di essere competitiva, ci saran­no posti di lavoro e stipendi più alti. Altrimenti ci sarà disoccupazione».
Il secondo motivo per re­stare. «Il Mezzogiorno».
Cari studenti non andate a Londra, andate a Napoli. «Restateci, a Napoli. Il piano del Sud del governo, oltre a investire sulle infrastrutture materiali, punta su quelle im­materiali. I talenti devono re­stare sul territorio».
Basta «terroni» al Nord. «E poi c’è la ricerca, l’innova­zione. Per vincere la crisi dob­biamo puntare sul capitale umano. I giovani servono».
E qui arriva la sua riforma dell’Università. «Che non è mia, ma di tutto il governo e del parlamento. È un grande segnale di cambia­mento per i giovani».
Li avete presi a manganel­late. «È la sinistra…»
Sempre lei. «… Che ha cavalcato il disa­gio dei giovani. Infatti anche sui giornali, dopo l’approva­zione, si moltiplicano gli ap­prezzamenti».
Lei ha trasformato due lea­der bolsi come Bersani e Di Pietro in atleti: per con­testarla si sono arrampica­ti sui tetti. «Sì, ma poi la riforma è stata approvata. Vieta le assunzio­ni di parenti fino al quarto grado, toglie potere ai baro­ni, aumenta la flessibilità, l’internazionalizzazione, il turn over, inverte la fuga dei cervelli e attrarne dall’este­ro».
Quinto motivo per non espatriare. «È l’altro grande segnale che il cambiamento è iniziato: un governo di giovani, con ministri under 40 come la sot­­toscritta, la Carfagna, la Me­loni, Alfano, Fitto».
E di donne che piangono e minacciano di andarsene: Carfagna, Prestigiacomo. Tocca a lei ministro. «Problemi risolti».
Maschilismo strisciante. «Normali incidenti di percor­so, ma con una compattezza di base. Berlusconi per pri­mo ha dimostrato di credere nelle donne».
Fin troppo, ironizzano i maligni. «Lo hanno attaccato e insul­tato, ma è stato il solo ad ave­re il coraggio di puntare su di noi in ruoli chiave. E sfido chiunque a dimostrare che non stiamo lavorando con ca­pacità e impegno».
Durerà? «Il 14 dicembre della fiducia è stato sconfitto ogni proget­to di destabilizzazione».
Se non ampliate la maggio­ranza ci riproveranno. «Siamo sicuri di avere i nume­ri per andare avanti: Il Parla­mento è cambiato».
Sì, perché c’è il Fli all’op­posizione. «No, perché molti deputati hanno scelto di stare dalla no­stra parte, dimostrando sen­so di responsabilità, facendo prevalere sul senso di appar­tenenza l’interesse del Pae­se, che è la governabilità».
Se non imbarcate l’Udc al governo, restate in bilico. «L’Udc non deve entrare al governo,ma scegliere lastra­da di un’opposizione respon­sabile, sui contenuti».
Basterà? Se a Casini gli ri­piglia lo sghiribizzo si al­lea col Pd e prova di nuovo a rovesciarvi. «Ci sono almeno 15 deputati che interloquiscono con noi e sono pronti a votare le rifor­me. E le dirò di più: da Enrico Letta a Fioroni a Mariapia Ga­ravaglia, da Nicola Rossi a Ichino alla Finocchiaro, io credo che il Pdl potrà dialoga­re anche con i riformisti del Pd».
Un regime! «Lo chiami confronto sui grandi temi del Paese. E dica ai giovani di restare a lottare con noi».

2 Comments

Leave a Comment
  1. Tiffani Bambaci / Nov 18 2012 6:29 AM
  2. wayland teen blogging in style6 / May 25 2013 11:46 PM

    I intended to write you the tiny observation just to thank you so much over again considering the pretty tips you have discussed on this page. It’s seriously open-handed with people like you to supply without restraint what a few individuals would have sold as an ebook to help with making some bucks for their own end, notably now that you might have tried it if you wanted. Those advice as well served to become good way to recognize that some people have the identical fervor the same as my own to realize a good deal more with regard to this condition. I know there are thousands of more pleasant periods up front for folks who looked over your website.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: