Skip to content
Thursday, 31 March , 2011 / ermes

Un uomo, un mito.


A seguito di una strepitosa segnalazione da parte di una Giardia davvero introversa… non posso non pubblicare uno tra i ritratti più stupefacenti che memoria d’uomo ricordi. Immenso.

Col. Laricchia, attore del vento e della pioggia con «ombrello al seguito»

di Alberto Selvaggi, La Gazzetta del Mezzogiorno, 20 marzo 2011

Desidero Laricchia a ogni costo. Debbo incontrare Laricchia, vivo, e poscia gloriarmene nel mondo. Così, senza preavviso, piombo in scooter nel suo ufficio di via Enrico Toti. Mi accoglie interdetto, corruga la fronte: «Tranquillo, colonnello, ella ha dinanzi a sé un veneratore». Laricchia è un fenomeno atmosferico insediatosi da quattro anni su Bari e sulla Puglia. Non un colonnello dell’Aeronautica in pensione ma un familiare evocato nelle piazze, per le strade, nei circoli radical sciccosi: alle 7,30 dal lunedì al venerdì, e nel post prandium per le previsioni della fine settimana su Rai TgR Puglia, il meteorologo, climatologo, grand’ufficiale al merito della Repubblica, consulente dell’Arpa e della Prefettura sguscia dal video lanciando la gamba lunga, si siede in poltrona accanto a te sgranando il sorriso salubre e ti rivolge un franco: «Salve! Come va?». E tu rispondi: «Bene, colonnello, favorisca un goccio di liquore».

Ora il suo mascherone è davanti a me, roto l’occhio periscopico ovunque ci sia qualcosa da sbirciare nello studio. Tiene sulla scrivania di comando tre cellulari, alle sue spalle una granata di stemmi e targhe militari, una pinacoteca di aerei scintillanti e incrociatori. Vitantonio Laricchia (nome fantasmagorico) è legato alle Forze Armate in amore: dal ’73 all’’84 ufficiale meteo nell’aeroporto di Brindisi, poi nella base aerea di Gioia del Colle con il glorioso 36° Stormo. Squilla un telefonino, è il viceprefetto. Chiamano il comando regionale dei Carabinieri, Marina, Esercito, madre Aeronautica che lo cullò.

Se lo contendono i Rotary, i Lions, le università, i presidi di scuola, anche perché si offre senza chiedere un euro per guiderdone. I bambini lo indicano alle madri, gruppi di sostenitori inneggiano su Facebook e mai come in questo periodo di caducità climatica e gite fuoriporta ci è caro quanto l’ermo colle.

«Laricchia prevede mare grosso», annuncia agli amici il dilettante pescatore. «Bisogna vedere che dice Laricchia», nota il capocomitiva prima del weekend in villa o al trullo. Al bar lo nomina perfino un immigrato dal Sudan: «Larrìcchio! Eh? Forte!». È sopra ogni divenire come la natura; igrometro, barometro, nefoscopio, Tiresia di edipiche perturbazioni.
Barese nato il giorno della Liberazione (il 25 aprile fategli gli auguri), si sveglia ogni giorno alle 4 (Madonna Santa), dopo mezzora è al computer per studiare modelli matematici, mappe e grafici dai quali desume ciò che in cielo accadrà poi. La dimestichezza mediatica intrisa di candore, la simpatia incontenibile che nel suo ufficio mi spinge a ridergli a tratti in volto («colonnello, mi scusi») ne hanno fatto un attore del vento, del sole e della pioggia. E su un brogliaccio prepara le pièce teatrali tv, animate da personaggi secondari quali «l’amico maestrale», «il soffio di Zefiro», «ombrello al seguito », «Eolo», «Giove Pluvio», sentenze latine, perle di marinai e cacciatori, adagi popolari, giornalisti che nei collegamenti gli porgono il microfono. Dobbiamo al calcio uno dei migliori doni che ci ha fatto Tgr Puglia.

Il Laricchia è stato arbitro C1 in gioventù, guardalinee in A e B fino all’86 con in campo Platini e Maradona. Nelle trasferte strinse amicizia con Franco Strippoli, oggi vicecaporedattore, e dopo le prime apparizioni il vicedirettore Giancarlo Spadoni lo chiamò per investirlo di manto mitologico. Il nuovo Bernacca, il meteorologo ridens, è tutto nostro ma non è affatto solo. Si districa in un tourbillon di pranzi, cene, summit anche in estate quando ripara in villa al Pilone. Ha moglie, figli: Barbara, 34 anni, laureata in lingue, e Stefano, 29, ingegnere acustico con studio di consulenza e progettazione. Appagato, lo saluto. Filo verso i miei amici sul vento di scirocco: «Sono stato con Laricchia, vivo, da solo». Ma le prime gocce stemperano il sorriso di trionfo. Maledetto! L’aveva detto accomiatandomi sull’uscio: «Non vada in giro in motorino, anche se c’è il sole: piove» .

2 Comments

Leave a Comment
  1. Mariejeanne858 / Dec 3 2011 2:50 AM

    Needed to draft you the very small observation in order to thank you the moment again for those pleasant concepts you’ve discussed in this case. It is certainly remarkably open-handed of people like you to provide publicly just what a few individuals would’ve supplied for an ebook to get some bucks on their own, even more so given that you might have done it in the event you considered necessary. Those good tips also acted to be a good way to know that most people have the identical desire like my very own to learn significantly more on the topic of this condition. I am sure there are many more enjoyable instances in the future for individuals who looked at your blog.

  2. Eva Rintuzz / Dec 3 2011 10:59 AM

    A’ Mariann’….. tutta ‘sta storia p’er colonnello Laricchia??!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: